SumUp POS: sono davvero una soluzione economica?

I SumUp sono tra i mobile POS più diffusi. Combinano sicurezza tecnologica, semplicità di utilizzo con basse commissioni per i piccoli esercenti, zero costi di installazione, attivazione o canone mensile, una sola commissione del 1,95% per transazione [...]
Josephine Condemi

giornalista

  1. Home
  2. Instant Payment
  3. SumUp POS: sono davvero una soluzione economica?

Lettori che consentono di ricevere pagamenti con carta ovunque: i SumUp sono tra i mobile POS più diffusi. L’omonima società, fondata nel 2012, è oggi attiva in 31 paesi e supportata, tra gli altri, da American Express, BBVA Venture e Groupon. I SumUp POS combinano la sicurezza tecnologica, la semplicità di utilizzo con un’accorta politica sulle commissioni rivolta ai piccoli esercenti. Zero costi di installazione, attivazione o canone mensile, una sola commissione del 1,95% per transazione. Ma come funzionano? Sono davvero economici?

Cos’è SumUp

SumUp Payments Limited è una società con sede a Londra. Fondata nel 2012, è oggi tra le aziende leader in Europa nel settore del point-of-sale mobile, o mobile POS.

È l’unico operatore mPOS che disegna e sviluppa i propri, omonimi, lettori che abilitano alla ricezione di pagamenti con carta ovunque: al primo prodotto, SumUp Air, si sono aggiunti SumUp 3G, SumUp 3G con stampante e, dal 17 novembre, il servizio SumUp Fatture.

sum-up pos

Oltre ai lettori e alle app collegate, la società ha sviluppato una serie di API – Application Programming Interface e SDK- Software Development Kit per l’integrazione con altri servizi: il 26 novembre è stata annunciata l’integrazione di SumUp sulla gamma commerciale dei veicoli Ford, per ricevere pagamenti con carta senza scendere dalla vettura.

SumUp è un Istituto di Moneta Elettronica autorizzato dalla Central Bank of Ireland, nella Repubblica d’Irlanda, ed ha una doppia certificazione: EMV, ovvero Europay, Mastercard e Visa, lo standard per l’autenticazione di transazioni con smart card, sia PCI-DSS, ovvero Payment Card Industry – Data Security Standard, lo standard per la sicurezza dei dati nelle transazioni su carta.

Come funzionano i POS di SumUp

I POS di SumUp sono tutti lettori di carte EMV, quindi carte con microprocessore, che si basano su una piattaforma end-to-end con hardware certificato che copre l’intero processo di pagamento: gli stessi lettori, le app collegate, il gateway di pagamento e i sistemi di operazione anti-frode.

I lettori proposti sono SumUp Air, SumUp 3G, SumUp 3G con stampante.

Tutte le soluzioni proposte accettano le principali carte di pagamento, quindi Visa, VPay, MasterCard, Maestro, American Express, Diners Club, UnionPay e Discover; supportano i tradizionali Bancomat; elaborano pagamenti contactless via NFC, Google Pay, Apple Pay, Samsung Pay.

Anche la procedura di registrazione prima dell’utilizzo è molto simile: dopo l’acquisto del POS, occorre registrarsi sul sito o via app e verificare i dati personali, con le scansioni di documenti che provino l’identità e l’attività svolta. Durante la registrazione, verrà richiesto se collegare il POS ad una carta prepagata o ad un conto corrente. Una volta ricevuto il messaggio di avvenuta autenticazione e attivazione, il POS sarà pronto per essere utilizzato.

Per usare SumUp senza partita Iva, è necessaria un’autocertificazione per la vendita di alcuni prodotti con un prezzo massimo di 250 euro ciascuno. Ma la vendita deve essere saltuaria e i prodotti opere artistiche o frutto della propria creatività e manualità.

Ad ogni transazione, il lettore trattiene una commissione fissa sull’importo totale: il pagamento sarà visibile sulla prepagata/Conto corrente dopo 2-3 giorni.

WEBINAR
Open Banking: come ottenere finanziamenti per il business delle PMI?
Amministrazione/Finanza/Controllo
Finanza/Assicurazioni

SumUp Pos

Per ridurre i tempi di attesa, è possibile usare la SumUp Card che accredita in un solo giorno, festivi compresi.

SumUp Pos

La soluzione di POS “base”, SumUp Air, funziona insieme all’app gratuita SumUp, quindi ad uno smartphone. In particolare, il POS “sfrutta” la connessione wifi o rete mobile dello smartphone per procedere alla transazione. Una volta completata la procedura di registrazione, basterà aprire l’app dal proprio smartphone e digitare l’importo, quindi collegare via Bluetooth il cellulare e il POS-lettore, che leggerà la carta con PIN o contactless per finalizzare il pagamento. Una carica della batteria del SumUp Air dura fino a 500 transazioni.

SumUp Pos

La soluzione SumUp 3G invece è un unico dispositivo con connessione wifi e scheda dati mobili inclusa. Funziona quindi in autonomia, senza bisogno dello smartphone. Una carica della batteria del SumUp 3G dura fino a 50 transazioni. È collegabile a stampanti compatibili.

SumUp Pos

La soluzione SumUp 3G più stampante consente appunto di stampare le ricevute, che negli altri modelli vengono spedite via mail o sms.

SumUp Pos

La SumUp app, a supporto di tutti i modelli, registra anche i pagamenti in contanti, così da semplificare la contabilità e avere una reportistica di tutte le transazioni effettuate. Nella app è inoltre possibile creare un catalogo prodotti nonché buoni acquisto, così da avere gli importi digitati automaticamente e poter vendere online, anche senza l’acquisto del POS.

SumUp Pos

Un altro servizio che non richiede l’acquisto del POS sono i pagamenti via link: sempre dalla app, basterà digitare l’importo e inviare il link di pagamento al cliente, che inserirà i propri dati per finalizzare la transazione. Un servizio particolarmente indicato per le consegne e gli ordini online.

Quali sono i costi dei SumUp POS

Tutti i SumUp POS non hanno costi di attivazione né canoni mensili. La commissione è pari all’1,95% a transazione.

I pagamenti via link, che non richiedono l’acquisto del POS, salvo offerte, hanno una commissione del 2,50% a transazione.

Il SumUp Air POS costa 29 euro, con base d’appoggio 59 euro; il SumUp 3G costa 99 euro, con stampante 199 euro. Tutti i prezzi sono Iva esclusa.

La SumUp Card è gratuita, senza costi mensili né commissioni aggiuntive, consente pagamenti in negozio o online e fino a tre prelievi di contanti gratis al mese. I fondi sulla carta posso essere trasferiti sul proprio conto corrente senza commissioni.

Dai dati delle simulazioni effettuate su www.signorpos.it, il SumUp Air POS è la soluzione più economica sul mercato a fronte di un tetto di 5.000 euro di transato annui, poco più di 400 euro al mese da pagamenti elettronici.

Quali sono i vantaggi di avere un POS di SumUp

I Sum Up POS sono molto sicuri, dotati di tutte le certificazioni più avanzate del settore oltre che di un sistema anti-manomissione che blocca istantaneamente le eventuali modifiche.

Hanno costi certi: nessun canone, nessun vincolo, commissioni fisse. Dal momento dell’acquisto, i costi sono proporzionali all’utilizzo.

Accettano tutte le principali carte di pagamento, il bancomat, i pagamenti contactless via NFC, Google Pay, Apple Pay, Samsung Pay. Sono compatibili con qualsiasi conto corrente. La SumUp card, prepagata gratuita, riduce i tempi degli accrediti, che diventano entro le 24 ore.

Supportano una app che registra anche le transazioni in contanti ed ha funzioni di catalogo prodotti, vendita online, reportistica, contabilità, servizio fatture gratis.

I Sum Up Air POS è il più economico per le piccole attività che non superano i 5000 euro di transato annuo da pagamenti elettronici (simulazioni da www.signorpos.it ).

I Sum Up POS sono compatibili con il Bonus POS, il credito d’imposta per gli esercenti pari al 30% delle commissioni addebitate per transazioni tracciabili.

WHITEPAPER
Come è cambiato in Italia il quadro normativo dei pagamenti digitali verso la PA?

 

FacebookTwitterLinkedIn