cbdc

Il franco digitale sarà la moneta virtuale svizzera



Indirizzo copiato

Dal prossimo primo dicembre, la Banca centrale svizzera inizierà la sperimentazione della propria valuta digitale con il progetto pilota Helvetia Il Phase III. Ecco chi vi partecipa e in cosa consiste

Pubblicato il 6 nov 2023



In Svizzera al via la sperimentazione del franco digitale

La Banca centrale svizzera lancerà la sperimentazione del franco digitale dal prossimo primo dicembre. Ecco chi partecipa al progetto pilota della valuta digitale della “bc elvetica”.

In Svizzera al via da dicembre la sperimentazione del franco digitale

La Banca Nazionale Svizzera (BNS) ha annunciato l’avvio del progetto Helvetia Il Phase III, che coinvolge sei istituti bancari. Inizierà il primo dicembre.

Si tratta del progetto pilota per la sperimentazione dell’uso di valuta digitale della banca centrale (Central bank digital coin, CBDC) nel mercato all’ingrosso.

Il test avverrà sulla piattaforma regolamentata Six digital exchange (SDX) per sperimentare l’utilizzo di CBDC all’ingrosso fondate su infrastruttura a registro distribuito (DLT).

DLT e tokenizzazione sono nate con la speranza di apportare maggiore efficienza e trasparenza, e le CBDC promettono di agire essenzialmente per contribuire alla stabilità del sistema finanziario.

La fase pilota della Banca centrale svizzera

La fase pilota consiste nell’emissione per la prima volta del franco svizzero digitale su tecnologia finanziaria DLT. Si passa così, anche in Svizzera, dai lavori negli ambienti di test a un ambiente produttivo reale, in cui le banche coinvolte fungeranno da intermediari fra emittenti ed investitori di obbligazioni digitalizzate, regolamentate contro CBDC secondo il principio “consegna contro pagamento”.

Significa dunque che anche in Svizzera le banche partecipanti effettueranno le transazioni in franco digitale su piattaforma a registro distribuito, nel ruolo di emittenti ed investitori.

Il progetto pilota non vuol dire l’avvio di emissione permanente di CBDC all’ingrosso, ma, ha voluto precisare la Banca centrale svizzera che la sperimentazione debutta per prendere in esame e verificare approcci per regolamentare attività finanziare basate su token.

Il progetto pilota si svolgerà dal prossimo mese a giugno 2024 e segue analoghi progetti delle banche centrali europea, indiana, britannica.

I sei istituti bancari partecipanti sono quattro banche commerciali Banque Cantonale Vaudoise, Basler Kantonalbank, Commerzbank, Hypothekarbank Lenzburg e due istituzioni finanziarie, UBS e Zuercher Kantonal Bank.

“Con questo progetto pilota, per la prima volta rendiamo possibile un regolamento sicuro ed efficiente delle transazioni con asset tokenizzati su una piattaforma DLT regolamentata e produttiva, utilizzando un vero CBDC all’ingrosso”, ha commentato Thomas Jordan, presidente della BNS.

Articoli correlati

Articolo 1 di 5