Con Satispay il bollo si paga da casa in sicurezza

L'aumento del 110% di transazioni relative al servizio in app “Bollo Auto e Moto” mostrano uno spaccato interessante nelle abitudini di pagamento degli italiani, a favore di un sempre maggior utilizzo dei servizi digitali nel 2020 [...]
  1. Home
  2. Pagamenti Pa
  3. Con Satispay il bollo si paga da casa in sicurezza

Nell’anno che si è appena concluso, Satispay ha assistito a un aumento del 110% di utenti che hanno effettuato il pagamento del bollo auto e moto tramite l’app, per oltre 100.000 transazioni. Una crescita trainata dalla semplicità del servizio in app “Bollo Auto e Moto” che permette agli utenti di pagare la tassa sui veicoli evitando ritardi e code agli sportelli, con un’unica interfaccia d’uso per tutte le regioni.

Satispay, integrata con pagoPA, offre la possibilità di pagare questa imposta anche all’ultimo minuto, con tutta la velocità e sicurezza che il sistema di mobile payment offre. Basta selezionare la tipologia del veicolo (autoveicolo, rimorchio, motoveicolo), inserire il numero di targa e confermare il pagamento dell’importo con l’aggiunta di una commissione fissa di 1 euro. Inoltre, si potrà scaricare e salvare la ricevuta, oltre che attivare un reminder sulla successiva scadenza, evitando così costose dimenticanze.

WEBINAR
Sanità: Servizi digitali e piattaforme per un Sistema Sanitario Nazionale a misura di cittadino
CIO
Dematerializzazione

Dario Brignone, co-founder e CTO di Satispay, commenta “Il pagamento del Bollo Auto e Moto è stato uno dei servizi a maggior crescita nel 2020, contribuendo al complessivo aumento del 30% dell’utilizzo dei servizi in app che abbiamo riscontrato quest’anno, complice anche la complicata situazione sanitaria che ci siamo ritrovati ad affrontare. Crediamo che questi rappresentino lo specchio di un vero e proprio cambiamento nelle abitudini di pagamento da parte degli italiani. Continueremo a lavorare per rendere le incombenze quotidiane ogni giorno più semplici e sicure per un sempre maggior numero di persone in futuro”.

FacebookTwitterLinkedIn