Pagamenti P2P via SMS, la seconda vita di Google Wallet

social lending
  1. Home
  2. Instant Payment
  3. Pagamenti P2P via SMS, la seconda vita di Google Wallet

redazione

Sembrava destinato all’estinzione, e invece Google Wallet, la piattaforma che qualche mese fa ha ceduto gli onori della cronaca ad Android Pay, rinasce a nuova vita come servizio di trasferimenti di denaro P2P via SMS. Il meccanismo prevede l’invio di un link, che il destinatario apre sul browser per accedere a una pagina web su cui può inserire i dati della propria carta di debito e sbloccare l’importo, che viene accreditato sul conto corrente nel giro di pochi minuti. Niente più app proprietarie, né complicati accordi con i circuiti di credito, e soprattutto niente più barriere tra il mondo Android e quello iOs: il caro vecchio “messaggino” non conosce giurisdizione o confini e funziona agnosticamente su qualsiasi device.

17 novembre, milano
Spalanca le porte all’innovazione digitale! Partecipa a MADE IN DIGItaly

E a proposito di fazioni contrapposte, oltre a rivitalizzare Google Wallet, il nuovo servizio costituisce un cavallo di Troia per raggiungere gli utenti Apple, per i quali il software è disponibile sull’App store come qualsiasi altra applicazione. Pur non offrendo la possibilità di pagare beni e servizi a esercizi commerciali, il meccanismo P2P di Mountain View può infatti ovviare al principale degli attuali limiti di Apple Pay, che in caso di trasferimenti di denaro tra privato è generalmente sostituito da Paypal.

Negli Stati Uniti il servizio dovrà vedersela con provider già affermati, come Venmo, Snapcash, Paypal.Me e Facebook Messenger. In Italia funzioni simili sono offerte da Satispay, 2Pay, Jiffy (proposto da SIA, a cui hanno già aderito 13 gruppi bancari), Zac (soluzione progettata da ICBPI e già scelta da Gruppo Creval, Veneto Banca, CSE e Cedacri), Hype di Banca Sella, Chat&Cash e Tinaba, che dovrebbe partire ufficialmente il prossimo marzo.

FacebookTwitterLinkedIn