Satispay: cos’è e come usare l’app per pagamenti

Satispay funziona con l’associazione al conto corrente e in modalità peer-to-peer, che consente di inviare e ricevere fondi a e da altri utenti della stessa app. Il primo passo è scaricare la app, disponibile su App Store, Google Play e AppGallery e compatibile con i dispositivi iPhone, iPad e iPod Touch (iOS 8.0 e successivi) e Windows Mobile e Android (versioni 4.1 e successive) [...]
Josephine Condemi

giornalista

  1. Home
  2. Mobile App
  3. Satispay: cos’è e come usare l’app per pagamenti

Non utilizza i circuiti di carte di credito e debito tradizionali, non funziona con la comunicazione di prossimità (Near Field Communication), che è la tecnologia più diffusa per il pagamento POS contactless via smartphone. Ma in cinque anni ha conquistato oltre un milione e trecentomila utenti e più di 120.000 esercenti e ha raccolto finanziamenti per circa 42 milioni di euro: perché? Come funziona Satispay?

Cos’è Satispay, app per pagamenti

Satispay è tra le app per pagamenti più diffuse in Italia: una persona su due che non utilizza la NFC per pagare al dettaglio con cellulare, usa Satispay, che dichiara 1.300 nuove iscrizioni al giorno.

La piattaforma di mobile payment è stata lanciata nel 2015 dall’omonima società fintech, fondata due anni prima dagli imprenditori cuneesi Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta: selezionata nel “Fintech250” 2020 di CB Insights, oggi Satispay oltre al quartier generale di Milano ha uffici a Berlino e Lussemburgo, dove ha sede l’istituto di moneta elettronica e la sussidiaria Satispay Europe.

L’app nell’aprile 2020 è stata infatti lanciata anche in Germania e in Lussemburgo con alcune delle maggiori funzionalità già presenti sul mercato italiano. L’obiettivo è diventare lo strumento finanziario più utilizzato in Europa, indipendente dai circuiti delle carte di credito e debito tradizionali.

Come funziona Satispay

Satispay funziona con l’associazione al conto corrente e in modalità peer-to-peer, che consente di inviare e ricevere fondi a e da altri utenti della stessa app.

Il primo passo è scaricare la app, disponibile su App Store, Google Play e AppGallery e compatibile con i dispositivi iPhone, iPad e iPod Touch (iOS 8.0 e successivi) e Windows Mobile e Android (versioni 4.1 e successive). La app con il logo rosso è Satispay Privati, quella con il logo grigio Satispay Business, integrabile con POS, registratore di cassa ed e-commerce e dedicata agli esercenti. Per utilizzarle, non è necessario avere installato sul dispositivo o attivare il modulo NFC – Near Field Communication.

Dopo avere scaricato la versione della app più adatta alle proprie esigenze, per registrarsi occorrerà inserire il proprio numero di cellulare e un indirizzo mail, digitare il codice di verifica ricevuto via sms e scegliere un metodo per autorizzare le transazioni: un PIN o il riconoscimento dell’impronta digitale.

Il passo successivo sarà stabilire il budget massimo di pagamenti consentito: prima di stanziare la cifra, sarà necessario inserire il proprio codice IBAN, un documento valido di identità e il proprio codice fiscale. La verifica dell’account potrà richiedere dai 3 ai 5 giorni lavorativi. In questo modo si pre-autorizzerà Satispay ad effettuare prelievi dal conto corrente per la cifra stabilita: dal conto corrente reale ne verrà creato uno di moneta elettronica, con un portafoglio digitale dal potere di spesa massimo di 200 euro a settimana.

Il conto digitale verrà ricaricato ogni settimana, con il prelievo della cifra utile a ritornare al budget iniziale: se, ad esempio, su un budget di 100 euro settimanali la spesa sarà stata di 30, saranno prelevati solo questi 30 euro che serviranno a “ricostituire” i 100 iniziali.

Le funzionalità di Satispay

Dopo aver stanziato il budget e verificato l’account, aperta la app, nella parte inferiore dello schermo dello smartphone appariranno le diverse funzionalità di Satispay: Negozi, Contatti, Servizi, Invita, Profilo.

Negozi

WHITEPAPER
Come cambia il Retail tra ecommerce, piccoli rivenditori e la spinta al cashless
Acquisti/Procurement
Fashion

In questa sezione, è possibile geolocalizzarsi per visualizzare tutti i negozi nelle vicinanze che utilizzano Satispay: più il negozio è vicino, più comparirà in alto nell’elenco. Se si è già dentro il negozio, per pagare basterà avvicinarsi alla cassa, aprire l’app, cliccare sul nome del negozio, scrivere l’importo e autorizzare la transazione. Oppure scansionare il QrCode del negozio stesso.

Per utilizzare la funzione di ricerca dei negozi, è possibile usare la lente di ingrandimento in alto a destra oppure i tag che compaiono sulla parte superiore dello schermo per tipologia. Uno dei tag con cui effettuare la ricerca è il “Cashback”, la percentuale di rimborso. Altre due categorie sono “Consegna a domicilio” e “Ritira in negozio”, attivabili dagli esercenti con il piano Satispay Business+ e gratuiti fino al 31 dicembre 2020: è possibile compilare il form dell’ordine via app e inviarlo all’esercente, prima di procedere alla consegna a domicilio o al ritiro. È consigliabile contattare l’esercente prima di inviare l’ordine, così da concordare eventuali modalità, condizioni e costi di consegna.

Cashback

I costi bassi del circuito di pagamento (v. sezione apposita) consentono agli esercenti di finanziare i cashback, i rimborsi in tempo reale agli utenti che acquistano con la app. Veri e propri sconti: la percentuale di rimborso oscilla tra il 2 e il 30% ma molti esercizi commerciali hanno comunque un tetto massimo di denaro rimborsabile. Il cashback può essere: Classico, Primo Acquisto (durante la prima spesa nel negozio), Incrementale (più si acquista nello stesso negozio più si viene rimborsati). Per gli esercenti, un interessante canale di marketing sia per attrarre che per fidelizzare clienti.

Contatti

In questa sezione vengono visualizzati i contatti della rubrica dello smartphone: è possibile quindi vedere chi già utilizza l’app e procedere alle transazioni di denaro peer-to-peer tra privati, totalmente gratuite.

Servizi

Tra i servizi offerti da Satispay ci sono: le ricariche telefoniche, i bollettini, il bollo auto e moto, il PagoPA, le donazioni, i risparmi, le buste regalo, i pagamenti automatici ricorrenti.

Per ricaricare il credito del cellulare, occorre scegliere l’operatore telefonico, inserire il numero da ricaricare, indicare l’importo della ricarica e autorizzare la transazione.

Per i bollettini, basta inquadrare il QRCode nel bollettino stesso per far comparire sulla app l’importo dovuto e procedere al pagamento.

Per il bollo auto o moto, occorre inserire la tipologia di veicolo e il numero di targa: comparirà l’importo e sarà possibile autorizzare il pagamento e impostare un promemoria per non dimenticare la scadenza.

La funzione “Pagamenti automatici” serve invece a impostare il pagamento di spese ricorrenti come i servizi in abbonamento.

“Risparmi” crea salvadanai in cui inserire i rimborsi ricevuti, il resto arrotondato degli acquisti o un importo fisso per risparmiare e mettere da parte cifre che potranno servire per scopi specifici.

La funzione “Donazioni” permette di donare alle no-profit o a progetti di beneficenza.

Il “PagoPA” consente di pagare i servizi della pubblica amministrazione come multe, MAV, tasse scolastiche, ticket sanitari, anche nei supermercati.

La funzione “Buste regalo” facilita il gesto per i propri cari, magari distanti.

Invita

In quest’area è possibile invitare i propri contatti ad utilizzare Satispay tramite i principali social network: se entro 10 giorni l’amico accettasse l’invito, riceverebbe 5 euro di bonus, tre in più di chi lo ha invitato. Si possono ottenere al massimo dagli inviti 15 bonus, per un totale di 30 euro.

Profilo

Nella sezione “Profilo” è possibile modificare le informazioni inserite, visualizzare il QrCode personale, i bollettini e le ricevute di pagamento nonché la soglia budget stabilita.

Quanto costa Satispay

Satispay non prevede costi di iscrizione né recesso: per i privati, i depositi su conto corrente e le ricariche del budget sono gratis così come i pagamenti in negozio, le transazioni “peer-to-peer” tra utenti registrati e quelle che riguardano i salvadanai digitali, le buste regalo, le donazioni. I pagamenti di bollettini, bolli auto e moto e pago PA costano un euro. Per gli account Business, non sono previsti costi di attivazione o canoni mensili: nei punti vendita, le transazioni superiori a 10 euro hanno una commissione di 0,20 centesimi; negli e-commerce, di 0,20 centesimi + 0,5%. La stessa percentuale di commissione, lo 0,5% si applica negli e-commerce per le transazioni inferiori a 10 euro, che nei punti vendita sono gratuite. I servizi “Consegna a domicilio” e “Ritira in negozio” per gli esercenti sono gratuiti fino al 31 dicembre 2020.

Cosa si può pagare con Satispay

Con Satispay si può pagare qualunque spesa, purché l’acquirente e l’esercente abbiano installato l’app e utilizzino il circuito. Tra i servizi, si possono pagare le ricariche telefoniche, i bollettini, il bollo auto e moto, il PagoPA, le donazioni, i risparmi, le buste regalo, i pagamenti automatici ricorrenti.

Dove si può pagare con Satispay

Si può pagare con Satispay nei negozi fisici (più di 120.000), negli e-commerce e nei distributori automatici che utilizzano il circuito.

WHITEPAPER
Pagamenti digitali: come ottimizzare la gestione delle spese aziendali centralizzate?
Pagamenti Digitali
Digital Payment

 

FacebookTwitterLinkedIn