Illimity: cresce la fiducia nella tecnologia per la gestione delle proprie finanze

È in corso un adattamento tecnologico: sempre più persone cambiano abitudini di spesa e di pagamento utilizzando le carte al posto del contante e le app per gestire e monitorare le proprie spese online. La ricerca di Illimity [...]
  1. Home
  2. Payment Innovation
  3. Illimity: cresce la fiducia nella tecnologia per la gestione delle proprie finanze

Dopo la crisi emergenziale da Covid-19, 99 persone su 100 vedono nella tecnologia uno strumento di grande supporto nella gestione delle proprie finanze, soprattutto nei pagamenti (82%), ma anche negli acquisti personali (75%) e nella ricerca di informazioni (72%). È la fotografia scattata da Illimity, il Gruppo bancario ad alto tasso tecnologico fondato e guidato da Corrado Passera, che ha coinvolto un campione di 633 persone rappresentativo della popolazione italiana user internet di 18 – 65 anni, per indagare l’evoluzione dei cambiamenti nelle nostre abitudini lavorative, finanziarie e di vita in seguito alla pandemia.

 

L’impatto del Covid-19 sulle abitudini di spesa degli italiani

Con l’incombere e il persistere della pandemia, 8 persone su 10 hanno modificato i propri comportamenti d’acquisto, incrementando quelli online. E, per forza di cose, più di 1 italiano su 4 ha speso di più per l’accesso alla rete internet, gli abbonamenti tv e l’elettronica. Inoltre, sembra che il Covid-19 abbia avuto un impatto diverso sulle abitudini di spesa a seconda delle generazioni. Tra i più giovani (18-24 anni) è cresciuta la necessità di definire a priori il budget da destinare ad ogni tipologia di acquisto per gestire meglio le proprie finanze e non dover fare troppe rinunce (35%); Millennials (25-39) e Generazione X (40-59) dichiarano di uscire più raramente per pranzi, cene o aperitivi (32%); infine, i Baby Boomer (over 60) dichiarano di aver messo in atto i comportamenti più virtuosi, come evitare gli sprechi e acquistare prodotti più sostenibili e a basso impatto ambientale (29%).

 

L’abitudine frena l’avanzata dei pagamenti digitali, ma la tecnologia gioca un ruolo sempre più importante

Quanto alle abitudini di pagamento, 1 persona su 2 ha iniziato ad usare di più la carta di credito nei negozi fisici al posto del contante. Principalmente per motivi di sicurezza e quindi per ridurre i contatti fisici con il contante (32%) e ragioni di comodità e praticità (30%). Guardando al futuro, 1 italiano su 5 pensa che utilizzerà sempre meno il contante a favore dei pagamenti digitali nei punti vendita fisici.

WHITEPAPER
Formazione digitale: come concili qualità e flessibilità?
Digital Transformation
Risorse Umane/Organizzazione

Chi invece usa ancora spesso o sempre il contante, preferisce questo metodo di pagamento per abitudine (43%) o perché ritiene di poter avere un maggior controllo sulle proprie spese (38%), mentre solo il 26% pensa sia un metodo più rapido e semplice.

Certo è che il trend in atto, che vede la tecnologia supportare sempre più la gestione delle finanze, appare inarrestabile. Infatti, è proprio la tecnologia ad abilitare un maggior controllo sulle spese e a semplificare la gestione dei risparmi: basti pensare alle novità introdotte dalla PSD2 che ha reso possibile aggregare diversi conti correnti e operare sugli stessi da un’unica banca. Servizi oggi utilizzati da 1 cliente su 6.

 

I clienti di Illimity preferiscono l’app per gestire le finanze e le carte per pagare

illimitybank.com offre ai propri clienti una gamma completa di servizi basati sull’intelligenza artificiale e dedicati all’analisi, monitoraggio e gestione delle spese e dei propri risparmi. In particolare, il 90% dei 50.000 clienti di illimitybank.com accede al conto corrente dall’app per monitorare i movimenti (69%) ed effettuare bonifici (41%). Mentre più della metà dei clienti analizza le proprie spese sia da app che da web e 1 su 5 consulta l’andamento dei propri progetti di spesa. Quanto agli strumenti di pagamento più utilizzati dai clienti di illimitybank.com, le carte di credito, debito e prepagate, sono lo strumento preferito da circa il 60% dei clienti.

FacebookTwitterLinkedIn