Sicurezza informatica

Online banking: Italia prima in Europa per attacchi malware

Lo studio di Trend Micro verte sulle minacce informatiche che hanno colpito il nostro Paese nell’arco del primo semestre 2023. Ecco i dettagli

Pubblicato il 03 Ott 2023

Malware: Italia prima in Europa per attacchi, 1800 contro l'online banking

Secondo il report semestrale delle minacce di Trend Micro, l’Italia è ancora una volta tra i Paesi nel mirino degli attacchi malware contro l’online banking.

L’Italia si piazza prima in Europa per numero di attacchi malware. Sono circa 1800 quelli contro l’online banking. Ecco i dettagli.

Malware: in Italia migliaia di attacchi all’online banking

Dal report “Stepping ahead of risk” di Trend Micro Research emerge, ancora una volta, che l’Italia è tra i Paesi prediletti dai cyber criminali.

L’Italia si conferma il terzo Paese contro cui i cyber criminali hanno sferrato un attacco: il più colpito al mondo e il primo in Europa.

In ambito Macro Malware, l’Italia è il quarto Paese al mondo, con 5.180 attacchi, dopo il Giappone (28.816) sul podio, Stati Uniti (10.485) e Turchia (5.529).

Nel dettaglio, i malware unici di online banking intercettati sono stati 1.804. Ben 37 miliardi minacce sono giunte via mail. 

Vari gruppi cybercriminali hanno deciso di unire le forze, per ottenere imassimi risultati dalle proprie attività malevole.

L’indagine

Lo studio verte sulle minacce informatiche che hanno colpito l’Italia nell’arco del primo semestre 2023.

L’utilizzo dell’intelligenza artificiale permette ai cyber criminali di sferrare attacchi più sofisticati, alzando il livello di sfida. Anche i team di security utilizzano la stessa tecnologia per lavorare in maniera più efficiente.

Quest’anno, i cyber criminali esperti di ransomware, con maggiore frequenza, hanno adottato attacchi di tipo bring-your-own-vulnerable-driver (BYOVD), anche utilizzando falle zero-day come quelle di GoAnywhere, 3CX, PaperCut e MOVEit. Le minacce a livello enterprise hanno invece proseguito a sfruttare accessi via password deboli o predefinite.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5