News

La tecnologia di kevin entra nei negozi fisici tramite POS con il pagamento NFC A2A

La payment tech company punta a sfidare l’attuale sistema di gestione dei pagamenti con la tecnologia di kevin da conto a conto. Per superare farraginosi, obsoleti e costosi processi tradizionali [...]
La tecnologia di kevin entra nei negozi fisici tramite POS: con il pagamento NFC A2A
  1. Home
  2. News
  3. La tecnologia di kevin entra nei negozi fisici tramite POS con il pagamento NFC A2A

Con il pagamento NFC A2A, la tecnologia di kevin fa il suo ingresso anche nei negozi fisici tramite POS.

Già disponibile per i pagamenti online e quelli in-app, ora consente i pagamenti account-to-account anche in store. Ecco come.

Il pagamento NFC A2A sbarca in negozio

Con un’infrastruttura di nuova generazione, kevin lancia nel mercato italiano soluzioni di pagamento end-to-end semplici, sicure e dirette.

La payment tech company punta a sfidare l’attuale sistema di gestione dei pagamenti, superando farraginosi, obsoleti e costosi processi tradizionali.

La nuova tecnologia di pagamento da conto a conto di kevin, già disponibile sia per pagamenti online che in-app, è finalmente accessibile anche in store tramite i POS.

La soluzione di pagamento A2A (account to account) è integrabile online, via POS e app. Contribuisce a ridisegnare l’ecosistema dei pagamenti e sostenere lo sviluppo di una crescita sostenibile per aziende e partner.

L’infrastruttura per i pagamenti account-based targata kevin permette la transazione digitale diretta dal conto bancario dell’acquirente a quello del beneficiario.

La disintermediazione e la riduzione delle commissioni rendono i pagamenti A2A sono più economici rispetto ad altre soluzioni digitali.

WHITEPAPER
Come si paga con PagoPA e cosa è possibile pagare? Scopri di più
Pagamenti Digitali
Pubblica Amministrazione

Rapidi e sicuri, consentono flussi più veloci, minimizzando reindirizzamenti e richieste di inserimento di dati personali, per offrire un’esperienza più fluida e al riparo dalle truffe per il cliente finale. Offrono più vantaggi delle carte.

Come funziona tramite POS

La soluzione A2A per i terminali POS di kevin permette al cliente finale di pagare direttamente attraverso il proprio conto bancario mediante la tecnologia NFC.

Basta collegare il proprio conto dentro l’applicazione mobile dell’esercente per eliminare totalmente le carte dalla procedura di pagamento. Inoltre, la tecnologia di pagamento A2A via POS non necessita di alcuna modifica dal punto di vista tecnico per il commerciante. Il retailer infatti può utilizzare i terminali esistenti nel negozio fisico.

La sfida di kevin

La techfin, fondata nel 2018 da due esperti nel settore dei pagamenti digitali (Pavel Sokolovas e Tadas Tamosiunas), propone i pagamenti digitali account to account.

Nominata come la migliore fintech dei Paesi Baltici, nel contesto del programma Mastercard Lighthouse e apparsa tra i primi 20 futuri unicorni B2B d’Europa nella classifica di Sifted, nel maggio 2022 kevin si è aggiudicata 65 milioni di euro di finanziamenti di serie A.

L’azienda vanta la più ampia copertura di API bancarie del mercato, proponendo servizi a più di 7 mila aziende in 27 Paesi europei e permettendo l’accesso ad oltre 350 milioni di consumatori.

Filippo Bergamin, Country Manager di kevin. in Italia
Filippo Bergamin, Country Manager di kevin. in Italia

“La nostra esclusiva soluzione di pagamento da conto a conto disponibile anche tramite POS all’interno dei punti vendita”, commenta Filippo Bergamin, Country Manager di kevin in Italia, “offre ai clienti finali un’esperienza unica e veloce paragonabile all’utilizzo delle carte di credito. Grazie alla veloce e conveniente implementazione di questa tecnologia, prevediamo una diffusione e una crescita rapida della nostra offerta, puntando ad una copertura europea dei terminali di pagamento dell’85% entro la fine del 2023”.

“La nostra tecnologia di nuova generazione è nata con l’obiettivo di innovare l’intero eco-sistema dei pagamenti, rendendoli più sicuri, accessibili e focalizzati sulle esigenze del cliente finale”, conclude Bergamin.

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn