Svizzera, al via il money transfer da smartphone con Paymit - Pagamenti Digitali
FacebookTwitterLinkedIn

Svizzera, al via il money transfer da smartphone con Paymit

Il brand nasce dalla combinazione delle parole payment e transmit, e sta a indicare l’immediatezza con cui da giugno, in Svizzera, è possibile effettuare trasferimenti di denaro a un contatto della propria rubrica telefonica con un semplice tap sul display dello smartphone. L’app in questione, che per l’appunto si chiama Paymit, è stata realizzata da SIX Payment Services e, pur essendo stata lanciata insieme alla Zürcher Kantonalbank (la Banca Cantonale di Zurigo) e a UBS, è aperta a tutti gli altri istituti della confederazione elvetica. Se già Credit Suisse e Raiffeisen si sono dichiarate interessate al software e ne stanno valutando l’implementazione, l’ipotesi di approdare in altri mercati europei è tutt’altro che campata in aria. L’obiettivo dichiarato di SIX Payment Services è comunque quello di raggiungere entro il 2017 due milioni di utenti, puntando a intercettare un transato pari al 5% dei circa 87 miliardi di franchi svizzeri che circolano in contanti.

Il meccanismo, come anticipato, è semplice, immediato e sicuro: basta che l’utente, una volta avviata l’app e dopo essersi autenticato, selezioni la persona a cui vuole inviare il denaro sulla rubrica dello smartphone e digiti l’importo da trasferire. L’account di Paymit è collegato al conto corrente bancario, che acceta la richiesta di addebito a favore del destinatario, il quale riceve istantaneamente l’accredito.

In Italia, fra i servizi di Instant payment si sta affermando Jiffy , ideato da SIA e basato su standard SEPA, indirizzato a tutti gli gruppi bancari Europei. Adottato in prima battuta da Ubi Banca, a febbraio, Jiffy oggi è disponibile per i correntisti di 13 primari istituti tricolore, con una quota di mercato pari all’80%. E, proprio come Paymit, anche Jiffy ha ambizioni internazionali. Ad attendere le due soluzioni, sembra proprio che a breve ci sarà anche Apple Pay, se è vero, come è emerso, che Cupertino ha recentemente depositato un brevetto per i pagamenti P2P. Altri servizi che si sono aggiunti nel tempo, sono Satispay, 2Pay e, da pochissimo, ZAC, la soluzione di Cedacri adottata dall’Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane).

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi