Pagamenti non-cash, nel mondo transazioni in crescita dell'8,8% - Pagamenti Digitali

Pagamenti non-cash, nel mondo transazioni in crescita dell’8,8%

Piero Todorovich

I pagamenti non-cash su scala globale hanno raggiunto quota 333 miliardi di transazioni. Il dato è viene riportato nel “World Payments Report 2013” pubblicato da Cap Gemini e RBS assieme a una serie di valutazioni che riguardano le potenzialità del settore e la distribuzione nelle diverse geografie mondiali.

Il rapporto evidenzia una crescita a due velocità tra mercati maturi ed emergenti. Secondo i dati relativi al 2012, il volume dei pagamenti non-cash è cresciuto dell’8,8% sull’anno precedente. L’Europa Centrale, il Medio Oriente, l’Africa (estesa all’area CEMEA) e i Paesi Asiatici emergenti hanno dato il più forte contributo con un aumento dei volumi medi superiore al 20% andando a compensare la bassa crescita di Nord-America, Europa e mercati asiatici maturi sui quali si realizzano oltre tre quarti delle transazioni mondiali (76,9%).

“Il costante incremento dei pagamenti non-cash è l’espressione della vita interconnessa di oggi – ha commentato Kevin Brown, managing director, global head of transaction services di RBS International Banking -. La crescita media dell’8,5% corrisponde a circa 47 transazioni in più all’anno per ciascun uomo, donna o bambino del pianeta. Mentre nelle regioni più avanzate si assiste alla diffusione di carte prepagate e valuta virtuale, nei mercati in via di sviluppo, il mobile payment permette a un numero crescente di individui di accedere alle transazioni finanziarie”.

 

I dubbi sui numeri

Il World Payments Report contiene anche elementi di critica sulle previsioni che girano nel settore e riguardanti in particolare i nuovi sistemi di e-payments e m-payments che – da qui al 2014 – sono previsti in crescita del 18,1% e del 58,1% rispettivamente, per volumi che dovrebbero toccare i 34,8 miliardi di transazioni per gli e-payments e i 28,9 miliardi per gli m-payments.

Ebbene, studiando l’insieme degli strumenti di pagamento e i volumi delle operazioni condotte in alcune regioni emergenti come l’Africa, il World Payments Report rileva una scarsa considerazione sull’emergere di istituti non bancari tra i gestori dei nuovi strumenti di pagamento. Questo comporta una maggiore difficoltà ad avere dati affidabili e suggerisce agli estensori del Rapporto la possibilità che le dimensioni dei mercati dell’e-payments e dell’m-payments possano essere sovrastimati anche del 50%.

Per questo gli estensori invitano gli enti di regolamentazione ad agevolare i processi di raccolta dei dati in modo che i Payment Services Providers (PSP) possano avere informazioni più affidabili sulle quali valutare i propri investimenti.

 

Un mercato sotto pressione

Secondo il Report di Cap Gemini e RBS, il mercato dei sistemi di pagamento è oggi sotto pressione. “A causa della proliferazione delle normative e dell’accentuata sovrapposizione delle iniziative”, ha dichiarato Andrea Falleni, vice president financial services leader di Capgemini Italia. ”I PSP si ritrovano con differenti regole da implementare nelle diverse aree geografiche e devono tener conto degli effetti sulla concorrenza”.

Sul piano normativo, le direzioni sono molto diverse nelle varie aree geografiche. Le autorità Nord-americane hanno puntato la loro attenzione su trasparenza e praticità per il cliente finale, mentre nell’Asia-Pacifico si guarda a standardizzazione e coinvolgimento di nuovi soggetti nel sistema finanziario. In Europa, infine, lo scenario è dominato dalla SEPA e gli enti di regolamentazione sono impegnati ad aumentare concorrenza e trasparenza.

 

In cerca d’innovazione

Secondo il Rapporto, per avere successo sul mercato, i PSP dovranno puntare sul desiderio di prossimità al cliente, sulla capacità di soddisfare richieste nuove e mutevoli e sulla frammentazione della catena del valore. Attraverso una maggiore innovazione nel segmento della “payment acquisition” potranno rispondere al meglio alle aspettative dei clienti retail e corporate in termini di strumenti, location, canali e valute.

L’innovazione nell’acquisizione consumer-to-business (C2B) passa attraverso pagamenti “any form, anywhere e anytime” simili a quelli proposti da operatori come PayPal o WorldPay. Per quanto riguarda l’acquisizione business-to-business (B2B), l’innovazione risiede nelle soluzioni SWIFT (sicurezza 3SKey) ed ErsteConfirming (specifica per la supply chain).

“I payments provider devono comprendere che non è necessario fornire servizi end-to-end, ma che serve essere innovativi in qualcuno dei punti fondamentali: origine, accettazione e cattura, sicurezza e frodi, o nei servizi a valore aggiunto”, ha precisato Falleni. “Scegliendo dove specializzarsi, i payments provider potranno differenziarsi e rispondere alle nuove esigenze dei clienti retail e business”.

Il Report rileva come il percorso di cambiamento nella payment acquisition sia troppo ripido per restare ad aspettare. I PSP devono quindi rivedere e riformulare le loro strategie al fine di restare in gioco e trarre vantaggio dalle novità che l’innovazione porterà con sé.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Etiam pellentesque nec mauris ut consequat. In non purus diam. Integer convallis sed dui a feugiat. Nullam sagittis purus elit.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi