INTELLIGENZA ARTIFICIALE

L’AI traina le vendite online grazie ai chatbot conversazionali



Indirizzo copiato

L’indagine di Qapla’ fa luce sulle tendenze eCommerce nel 2024. Ecco i trend emergenti, a partire dalle strategie di marketing applicate alla delivery experience e rafforzate dall’AI

Pubblicato il 19 feb 2024



Indagine di Qapla': focus sulle tendenze eCommerce nel 2024

Dall’indagine di Qapla’ emergono le tendenze eCommerce nel 2024, dove l’AI fa la parte del leone e traina le vendite online. Ecco i trend attuali.

Indagine di Qapla’: focus sulle tendenze eCommerce nel 2024

Secondo Qplaà, il software che facilita e ottimizza le spedizioni eCommerce integrandosi con oltre 180 corrieri, il mercato eCommerce cresce a buon ritmo (+9,3% nel 2023). Le previsioni nel primo semestre del 2024 si attestano a una crescita complessiva del 6,7%.

Dalla ricerca del prodotto all’acquisto, alla spedizione, fino alla fase post-vendita, i consumatori usano servizi digitali che puntano a fidelizzarli e a migliorare la shopping experience, personalizzandola e rendendola più immediata e intuitiva.

Secondo Qapla’, le tendenze dell’eCommerce 2024 rispondono a tre principali sfide: l’iper-personalizzazione della shopping experience, la tecnologia AI di ultima generazione e la Delivery experience.

Le strategie di marketing applicate alla delivery experience e rafforzate dall’intelligenza artificiale (AI) permettono dunque allo shopping online di continuare a crescere nel 2024.

I comparti più in salute

Qapla’ registra un calo per l’eCommerce nel settore Beauty, Fashion e Food, nel primo semestre del 2024 si prevede che a sostenere l’eCommerce saranno il Pharma (+19,7%) e il Pet (+38,5%).

Il commercio conversazionale

Le tecnologie di AI e Machine Learning supportano il commercio conversazionale, focalizzato sulla conversazione. Questo modello di shopping online sta guadagnando terreno perché permette agli utenti l’interazione con gli assistenti virtuali.

Secondo Gartner, entro cinque anni i chatbot sono destinati a diventare il principale canale di supporto, perché sono in grado di fornire risposte in automatico e supporto audio-visivo in tempo reale.

Inoltre, il 65% dei clienti si attende un’esperienza iper-personalizzata, su misura delle proprie esigenze, grazie alle app in grado di realizzare cataloghi che si basano sui comportamenti degli utenti, pronti ad anticipare le loro preferenze e ad assicurare esperienze di acquisto coinvolgenti. La ricerca vocale e visuale, interagendo con assistenti vocali o scattando foto per cercare i prodotti, stanno rendendo l’esperienza più intuitiva e fluida.

Nel 2024, infatti, gli eShopper aspirano a trovare una Personal Customer Journey, simile all’esperienza in store, con suggerimenti mirati e offerte su misura.

Infine occorre monitorare, intervenendo proattivamente per assicurare la miglior Delivery experience, fidelizzando i consumatori. Ma la percentuale media di problemi nel corso delle spedizioni rimane ferma al 3%, bisogna fare di più.

Il marketing post-spedizione riveste un ruolo di primo piano, dal momento che la mancanza di comunicazioni post-vendita induce ansia nel 47% dei clienti, inficiando la credibilità dello shopping per il 33%. Invece integrando chatbot e link nell’assistenza, gli acquirenti percepiscono di essere accompagnati in fase di consegna, instaurando un contatto diretto con il venditore anziché con il corriere.

Articoli correlati

Articolo 1 di 5