Eventi

Il Bancomat sorpassa il contante in negozio: digital wallet il mezzo più popolare

Succede per la prima volta. Ecco i dati emersi al Netcomm Focus Digital Payment, secondo cui un terzo delle transazioni online avviene via Digital Wallet

Pubblicato il 29 Giu 2023

Transazioni online: oltre un terzo via Digital Wallet

Al Netcomm Focus Digital Payment è emerso che il Bancomat fa il sorpasso sul contante per la prima volta nei negozi.

Oltre un terzo delle transazioni online avviene inoltre con digital wallet. Ecco il fenomeno in cifre.

Netcomm Focus Digital Payment
Netcomm Focus Digital Payment

Transazioni online: oltre un terzo via digital wallet

Nel 2023 il contante serve a concludere soltanto il 2,5% degli acquisti online (scendendo sotto l’1% nell’acquisto di beni digitali e servizi) e il 33% di quelli in negozio.

In store il Bancomat sorpassa, per la prima volta, il contante. Il primo detiene il 35% contro il 33% dei contanti. Anche negli acquisti in negozio, mentre cinque anni il 55% dei pagamenti avvenivano in contanti, i pagamenti cartacei hanno perso 22 punti percentuali.

Netcomm Focus Digital Payment

Il digital wallet è metodo di pagamento più popolare online nel 2023. Con il 35,5% sul numero totale delle transazioni (+5,7% rispetto al 2022) il portafoglio digitale supera infatti carte di credito (26%) e prepagate (24%).

Sebbene sia preferito più negli acquisti di beni digitali e servizi che di prodotti fisici, la distinzione si è assottigliata (36% vs 33%).

Il primato del Digital Wallet cela però un attaccamento degli italiani a metodi di pagamento più tradizionali. Infatti i Digital Wallet si appoggiano su una carta di credito o prepagata.

L’utilizzo delle carte, dunque, prevale con l’82% per concludere l’acquisto, rispetto ad altri mezzi, come contanti, bonifici o buoni.

Inoltre, crescono nuove forme di pagamento associate allo smartphone, come le carte di credito contactless. Grazie alla smaterializzazione della carta nelle App, hanno quasi triplicato la percentuale d’uso, passando dal 5,5% nel 2018 al 15,5% di oggi.

Netcomm NetRetail, su 100 acquisti online, oltre la metà sono originati da un dispositivo mobile, smartphone o tablet. Via tablet lo shopping è rimasto costante negli ultimi cinque anni, invece a crescere è stata quella tramite smartphone, passando dal 13% ad oltre il 50% negli ultimi sei anni. Considerando gli acquirenti under 25, due acquisti su tre avvengono tramite lo smartphone.

Netcomm Focus Digital Payment

L’indagine: focus su Fintech ed euro digitale

L’indagine “Payment evolution & customer engagement”, presentata alla quinta edizione di Netcomm Focus Digital Payment, accende un faro anche su Fintech ed euro digitale.

Lo stimolo della PSD2 ha permesso al settore Fintech di chiudere il 2022 oltre la soglia degli 882 milioni di euro in investimenti in Italia. Lending peer-to-peer, i robo-advisor e le piattaforme unificate di gestione finanziaria sono tutte soluzioni che offrono ai consumatori opzioni sempre più convenienti e accessibili per gestire le proprie finanze. In questo contesto, l’aspetto principale è la sicurezza.

Le nuove proposte legislative, che ieri la Commissione Europea ha proposto, uniformeranno inoltre le norme nell’ambito dei sistemi di pagamento digitale. Promuoveranno un settore in repentina crescita, dove l’euro digitale giocherà un ruolo di primo piano e ha un forte potenziale. Tuttavia la vera sfida sarà l’adozione di massa nell’arco del prossimo quinquennio.

I commercianti temono che la nuova legislazione renda l’accettazione dell’euro digitale obbligatoria senza controllare i costi sostenuti.

La nuova direttiva sui servizi di pagamento (PSD3), invece, ha lo scopo di armonizzare tutte le norme relative ai pagamenti.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4