Veneto Banca, il prelievo allo sportello si fa con l'Apple Watch - Pagamenti Digitali
FacebookTwitterLinkedIn

Veneto Banca, il prelievo allo sportello si fa con l’Apple Watch

redazione

Apple Pay non è ancora arrivato in Italia, quindi le funzionalità di pagamento attraverso l’iPhone 6 o l’Apple Watch rimangono precluse al mercato tricolore. Chi vuole però mettere alla prova il wearable di Cupertino sui servizi finanziari può farlo grazie a Veneto Banca, a patto di essere cliente dell’istituto. BankUp Mobile, la app lanciata la scorsa primavera dal gruppo per permettere ai propri clienti di effettuare operazioni tramite lo smartphone, si è evoluta per offrire nuove funzionalità direttamente dal polso, grazie all’interazione con l’Apple Watch. Tra tutte spicca una novità assoluta, il “prelievo facile”, effettuabile cioè senza inserire Bancomat o carta di credito nello sportello e senza nemmeno dover ricorrere allo smartphone: il codice monouso per l’operazione viene generato direttamente sul device Apple e i clienti possono ritirare il contante agli sportelli ATM del Gruppo (Veneto Banca e Banca Apulia) semplicemente avvicinando il polso al sensore. Un primato non solo italiano, ma europeo.

Dall’Apple Watch i clienti di Veneto Banca possono inoltre consultare i propri conti correnti, i saldi, i movimenti – funzioni per le quali è stata creata un’interfaccia ad hoc – e le spese eseguite con carta di credito e prepagata, anche filtrandole per periodi o per entrata e uscita. Tutto con un tap sul micro display, a cui si può accedere anche attraverso il riconoscimento dell’impronta digitale, sfruttando la tecnologia Touch ID impiegata per le disposizioni di pagamento. Non sono necessari quindi account e password da ricordare, è sufficiente farsi riconoscere dal sistema attraverso verifiche biometriche, user friendly, trasparenti e non invasive.

La nuova release dell’applicazione (scaricabile nelle precedenti versioni oltre che su App store anche su Google Play e Windows store) ha reso disponibili altre tre novità: l’implementazione del circuito Zac, con cui si può scambiare denaro con persone delle quali non si conosce l’IBAN, ma solo il numero telefonico, la possibilità di scaricare le carte prepagate sui conti correnti desiderati e la riesecuzione di pagamenti storici già effettuati.

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi