Risolvi il tuo Debito: la formula DebTech per risolvere il problema dell’indebitamento dei privati

Per raggiungere l'obiettivo dell'abbattimento del debito dei privati sono utilizzati anche strumenti di machine learning e di Big data, così da arrivare alla creazione di piani di rientro personalizzati [...]
  1. Home
  2. Fintech
  3. Risolvi il tuo Debito: la formula DebTech per risolvere il problema dell’indebitamento dei privati

L’innovazione digitale applicata alla gestione e riparazione dei debiti privati: con questo obiettivo è sbarcata in Italia Risolvi il tuo Debito, parte del gruppo Resuelve tu Deuda, la più grande riparatrice del credito dell’America Latina e d’Europa. La fintech, infatti, è nata per contrastare il problema del sovraindebitamento dei privati e diffondere la cultura del risparmio,  aiutando i cittadini che non riescono a saldare i propri debiti a estinguerli con le proprie risorse.

“Aiutiamo le persone a uscire da una situazione di debito che da soli non riescono ad affrontare, offrendo loro una seconda opportunità per riconquistare la propria libertà finanziaria – afferma Cristina Cervantes, Country Manager di Risolvi il tuo Debito –. Promuoviamo una migliore educazione finanziaria e una cultura del risparmio per trasmettere ai nostri utenti l’importanza di una corretta pianificazione e disciplina finanziaria, permettergli di uscire dai debiti con i propri mezzi ed evitare che ricadano nella stessa situazione di eccessivo indebitamento. Diffondere la cultura del risparmio e del pagamento va a beneficio anche delle istituzioni finanziarie, che col nostro intervento recuperano crediti che altrimenti non avrebbero potuto riscuotere”.

WHITEPAPER
Come è cambiato in Italia il quadro normativo dei pagamenti digitali verso la PA?

Più nel dettaglio, Risolvi il tuo Debito fornisce consulenza legale e finanziaria ai cittadini per aiutarli a liquidare i debiti generati da prestiti al consumo, carte di credito, prestiti garantiti senza mutuo e crediti commerciali richiesti a titolo personale, senza ricorrere ad altri prestiti e senza consolidare o ristrutturare il debito. Per raggiungere questo obiettivo sono utilizzati strumenti di Big Data e Machine Learning per analizzare caratteristiche, profilo di rischio e numero di debiti del debitore. Con queste informazioni viene poi elaborato un piano di risparmio personalizzato e sostenibile, basato sulle possibilità finanziarie dell’utente.  Allo stesso tempo, si cerca di rinegoziare il debito con le istituzioni finanziarie, così da arrivare a ottenere sconti fino al 50% sulla posizione da saldare. L’intero processo, dal momento in cui l’utente entra in contatto con Risolvi il tuo Debito fino alla liquidazione del debito, è completamente digitale: la consulenza, le operazioni, la negoziazione e la conclusione del piano si possono svolgere in remoto.

L’azienda è nata sui banchi dell’Università di Stanford dall’idea di due studenti messicani, Javier Velazquez e Juan Pablo Zorrilla. In poco più di dieci anni è diventata una delle maggiori realtà in ambito DebTech,  con più di 1.200 dipendenti e un totale di circa 320 milioni di euro gestiti.  “Siamo partiti come una piccola startup Fintech nata in Messico nel pieno della grande crisi economica del 2008 e in poco più di dieci anni siamo diventati un grande gruppo presente in cinque paesi. Abbiamo adottato le best practice dei paesi dove questo settore è già regolamentato per garantire che il nostro modello funzioni in diversi contesti e dare il miglior servizio possibile – racconta Cristina Cervantes –. Abbiamo scelto l’Italia perché, con un portafoglio di crediti al consumo che vale oltre 117 miliardi di euro e una penetrazione pari al 33% della popolazione, potenzialmente può essere il secondo mercato più importante per noi, dopo la Spagna. Ma vogliamo anche avere un impatto positivo nel paese, investendo nei suoi talenti e portando una soluzione a chi si trova in difficoltà a causa dei debiti: nel 2021 prevediamo di assumere 70 persone con competenze commerciali, legali e tecniche e di assistere 1.200 debitori”.

FacebookTwitterLinkedIn