TeamSystem Point of View

Cessione dei crediti commerciali: consigli per l’uso

Molte aziende oggi hanno bisogno di liquidità; cedere i crediti commerciali può essere una soluzione. Ecco come scegliere la piattaforma giusta per effettuarla [...]
cessione crediti commerciali
  1. Home
  2. Fintech
  3. Cessione dei crediti commerciali: consigli per l’uso

In tempi di scadenza delle moratorie sul credito e di strascichi della crisi prodotta dal coronavirus, molte aziende italiane hanno bisogno di liquidità, possibilmente in tempi brevi. Una delle soluzioni per reperirla in modo rapido è la cessione dei crediti commerciali, nota anche come cessione delle fatture.

Cos’è la cessione dei crediti commerciali

La cessione dei crediti commerciali (o Invoice Trading) avviene quando un’impresa mette in vendita su una piattaforma Fintech le fatture che hanno i requisiti per essere cedute. Gli investitori, tramite la piattaforma, ne acquistano il credito e l’impresa riceve subito parte dell’importo al netto delle commissioni, senza più doversi preoccupare di riscuotere le fatture: è tutto gestito dalla piattaforma. Il Fintech, anche grazie all’utilizzo di tecnologie innovative, consente di individuare in anticipo le transazioni e i debitori affidabili e quindi autorizza la cessione delle fatture solo rispetto a operazioni statisticamente molto sicure. La cessione del credito differisce dall’anticipo fatture, che consiste invece nell’erogazione da parte di una banca di un finanziamento a breve termine basato sulle fatture emesse e non scadute, la cui riscossione resta a carico dell’impresa. Quando l’impresa riscuote, la banca trattiene commissioni ed eventuali interessi. Se l’impresa non incassa dal debitore nei tempi e nei modi stabiliti, deve pagare alla banca interessi sull’importo prestato.

Come funziona

La cessione delle fatture è uno strumento che esiste da decenni, e che fino a qualche tempo fa è stato associato esclusivamente al Factoring, il quale prevede, nella gran parte dei casi, la cessione massiva delle fatture. Grazie all’innovazione tecnologica e all’entrata sul mercato delle piattaforme di Invoice Trading, ora la cessione delle fatture è effettuata tramite delle piattaforme di gestione dei crediti. Una volta che l’azienda ha pubblicato la richiesta di cessione, la fattura sarà pubblicata sulla piattaforma, attraverso cui potrà essere acquistata dagli investitori. Chi la acquista, anticipa all’azienda l’85-90% dell’importo della fattura, liquidando il saldo alla scadenza. I crediti possono essere ceduti pro solvendo o pro soluto.

Nella cessione pro solvendo, l’azienda cedente deve garantire che il debitore eseguirà il pagamento dovuto e, in caso di inadempimento, sarà tenuta a pagare la somma dovuta dal debitore. Nella cessione pro soluto, all’azienda cedente non resta alcuna responsabilità in merito all’adempimento da parte del debitore, poiché sarà il cessionario, ovvero l’investitore che acquista tramite il portale di Invoice Trading, a farsi carico del rischio del mancato pagamento. L’azienda può così sia liberarsi dei crediti, sia dei rischi a essi connessi. Per questi vantaggi, è consigliabile ricorrere alla cessione pro soluto, nonostante abbia dei costi maggiori.

Sei consigli per cedere i crediti commerciali

Ecco le caratteristiche di una buona piattaforma per la cessione dei crediti:

1. Digitale: il canale online permette di fare una richiesta di cessione di fattura 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, senza burocrazia; i portali più pratici sono quelli già integrati nel gestionale aziendale.

2. Flessibile: il portale di cessione delle fatture deve consentire di cedere una o più fatture, senza alcun vincolo legato al creditore ceduto o al numero di fatture.

3. Semplice da utilizzare: la cessione del credito può essere uno strumento utile per ottenere liquidità ogni volta che serve. La piattaforma per farlo deve quindi essere di facile utilizzo e con una customer experience (CX) agevole e piacevole, in modo da non scoraggiare l’azienda dal farvi ricorso.

4. Veloce: il portale deve avere una bassa velocità di reazione ed erogazione del denaro, intesa come un paio di giorni di attesa.

5. Trasparente: questa caratteristica riguarda sia i costi, sia la gestione delle fatture. Devono essere specificati commissioni di iscrizione e relative alle fatture, spesso legate alla data di scadenza. Inoltre, il portale di cessione dei crediti deve permettere di monitorare online l’andamento del portafoglio ceduto in tempo reale.

6. Sicura: la piattaforma di cessione dei crediti commerciali deve garantire la privacy e proteggere i dati relativi alle fatture in essa caricate e commercializzate.

Una piattaforma che ha tutte le sei caratteristiche sopra elencate ed effettua cessioni del credito pro soluto è Incassa Subito di TeamSystem.

Come cedere i crediti commerciali con TeamSystem

Incassa Subito è il nuovo servizio del Gruppo TeamSystem, fornitore italiano di software gestionali e servizi di formazione all’avanguardia per aziende, microimprese, artigiani e studi professionali. TeamSystem non compra le fatture, ma fornisce una piattaforma di Invoice Trading, grazie al servizio Incassa Subito. Quest’ultimo consente di incassare in anticipo fino al 90% dell’importo delle fatture non scadute direttamente dal gestionale. Il servizio si rivolge a società di persone e di capitali, consorzi e cooperative, con almeno un bilancio depositato, che fatturano oltre 250 mila euro e utilizzano i servizi di fatturazione di TeamSystem o delle società del gruppo (FattureInCloud, Danea EasyFatt, ecc). Le aziende possono cedere fatture di valore superiore a 1.000 euro, emesse verso debitori che fatturano più di un milione di euro. Incassa Subito offre numerosi vantaggi alle imprese. A livello di costi, l’azienda cedente deve pagare solo quelli relativi alla transazione, senza costi fissi, di ingresso o di abbonamento. Una volta ceduta la fattura elettronica tramite TeamSystem Digital, si ottiene risposta mediamente in 48 ore, online e direttamente nel gestionale. Ultimo, ma non per importanza, usufruire di Incassa Subito non modifica l’esposizione dell’azienda verso il settore bancario e non comporta la richiesta di alcuna garanzia personale o reale.

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn