Normative

Banca d’Italia: le novità per i sistemi di pagamento al dettaglio

Le nuove disposizioni dedicate alla sorveglianza sui sistemi di pagamento, nel quadro dell'evoluzione di mercato e della regolazione europea in materia. Ecco la guida operativa [...]
Banca d’Italia: le novità per i sistemi di pagamento al dettaglio
  1. Home
  2. News
  3. Banca d’Italia: le novità per i sistemi di pagamento al dettaglio

Banca d’Italia ha rilasciato le nuove disposizioni dedicate alla sorveglianza sui sistemi di pagamento al dettaglio.

L’aggiornamento della normativa segue il provvedimento del 9 novembre 2021. Ecco le novità e cosa disciplina la guida operativa.

Sistemi di pagamento al dettaglio: le novità di Banca d’Italia

Banca d’Italia aggiorna la normativa in tema di sorveglianza dei sistemi di pagamento al dettaglio.

Le nuove disposizioni rispondono alle esigenze sia di un mercato in rapida evoluzione che della regolazione europea in materia. Il quadro normativo è quello dell’Eurosystem Oversight Policy Framework che delinea “gli obiettivi, l’ambito di applicazione e l’allocazione dei ruoli all’interno dell’area”.

WHITEPAPER
Una guida per acquisire nuovi clienti con il digital onboarding

Bankitalia aveva già pubblicato un provvedimento (9 novembre 2021) che ampliava il perimetro applicativo. Infatti estendeva l’applicazione ai sistemi di pagamento all’ingrosso e alle infrastrutture strumentali tecnologiche o di rete.

La guida operativa

La guida dei controlli e delle misure di continuità operativa integra le disposizioni. Disciplina le modalità con cui operano i gestori di sistemi di pagamento e i fornitori critici di infrastrutture o servizi. I soggetti che operano sotto la sorveglianza di Banca d’Italia.

L’allegato al provvedimento presenta due sezioni. Una si riferisce alle definizioni e agli indicatori di continuità operativa. Misure che devono implementare i gestori di sistemi di pagamento e i fornitori critici.

L’altra sezione concerne la dimensione, il profilo di rischio, la complessità operativa e le specificità nell’offerta di servizi e nello svolgimento di attività.

La notifica di previsione di inizio e fine operatività riguarda tutti i fornitori che compiono una o più attività. Invece i requisiti mirati di sorveglianza sono dedicati ai fornitori critici.

La guida offre misure operative che spaziano dalle notifiche alla Banca d’Italia dell’avvio o cessazione di un’attività al processo con cui Bankitalia identifica i fornitori critici.

Ma la guida illustra anche le modalità di comunicazione dell’assoggettamento a sorveglianza.  Inoltre definisce le modalità con cui i gestori di sistemi per i pagamenti e i fornitori critici devono comunicare le informazioni previste dal provvedimento. Infine delinea procedure e tempistiche implementate sotto la sorveglianza della Banca d’Italia verso i gestori di sistemi di pagamento e i fornitori critici.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn