Amazon lancia lo "shopping phone" - Pagamenti Digitali
FacebookTwitterLinkedIn

Amazon lancia lo “shopping phone”

Daniele Lazzarin

Jeff Bezos, numero uno di Amazon, durante la presentazione di Fire PhoneDa qualche giorno anche Amazon è scesa in campo nel mercato degli smartphone con un proprio device, il Fire Phone. Al di là delle specifiche tecniche – avanzate ma non rivoluzionarie – e del design, che ricorda un pochino l’iPhone (in effetti il device di Amazon, come quello di Apple, è assemblato anch’esso da Foxconn), il Fire Phone introduce due funzionalità davvero inedite: Dynamic Perspective e Firefly.

La prima si basa su un sofisticato sistema che comprende quattro fotocamere grandangolari frontali, quattro LED infrarossi, un processore dedicato, algoritmi di computer vision in tempo reale, e un motore di rendering grafico. Il tutto per tenere traccia, istante per istante, della posizione degli occhi e del viso dell’utente rispetto al telefono, proponendo di conseguenza un quadro che tiene conto della sua prospettiva di visione.

Se l’utente sposta occhi e viso rispetto al telefono, questo cambia la prospettiva e il quadro si sposta in modo fluido e naturale, generando un vero e proprio effetto 3D. Nelle mappe, per fare un esempio, modificando la posizione degli occhi rispetto al device, cambia automaticamente la prospettiva degli edifici. Facile immaginare le possibili applicazioni anche nel campo del gaming e in generale in tutte le attività “immersive” in campo mobile.

Firefly invece è un complesso e avanzato insieme di tecnologie di riconoscimento, che può avere applicazioni in particolare anche di Mobile Commerce e Payment, cosa che ha suggerito a qualche commentatore la definizione di “Shopping Phone”. Premendo l’apposito tasto sul bordo del dispositivo, questo attraverso identifica oggetti e scritte del mondo reale – indirizzi web ed e-mail, numeri di telefono, QR Code e codici a barre, ma anche film, musica, e 70 milioni di oggetti fisici, come il barattolo di Nutella riconosciuto durante la prima presentazione di Fire Phone – e intraprendere azioni di conseguenza, per esempio ricercare informazioni, riprodurre musica o video, oppure acquistare subito il prodotto attraverso sistemi di Mobile Commerce e Payment.

«E questo è solo l’inizio – ha detto il fondatore e numero uno di Amazon, Jeff Bezos -: oggi lanciamo anche gli SDK (kit di strumenti di programmazione, ndr) sia di Dynamic Perspective che di Firefly, non vediamo l’ora di essere sorpresi dalla creatività delle community di sviluppatori».

Altro punto di forza del Fire Phone è l’integrazione nativa con il vasto ecosistema di Amazon, con milioni di canzoni, app, giochi, show TV, libri, riviste. Gli abbonati del servizio Prime inoltre (che negli USA è una vera e propria piattaforma d’accesso a contenuti digitali, e non solo un servizio di consegna veloce come da noi) possono accedere allo streaming di decine di migliaia di film ed episodi di fiction, 500mila libri, e oltre un milione di brani musicali, senza costi addizionali. Fire Phone è al momento previsto in uscita (con prime consegne a fine luglio) nei soli Stati Uniti, a 199 dollari con piano AT&T (649 dollari senza piano) nella versione da 32 GB e con 12 mesi di Prime incluso. È ovvio attendersi la disponibilità anche in Europa, ma Amazon per ora non ha fornito nessun dettaglio.

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi