Nexi verso la quotazione: l’Ipo potrebbe arrivare a 7,5 miliardi

Il debutto a Piazza affari è previsto, se non ci saranno ostacoli, per aprile, e potrebbe essere l’epurazione più importante del 2019 sul listino milanese. Sul dossier al lavoro come advisor finanziario il colosso statunitense Evercore [...]
  1. Home
  2. Fintech
  3. Nexi verso la quotazione: l’Ipo potrebbe arrivare a 7,5 miliardi

Lo sbarco in borsa di Nexi potrebbe essere l’Ipo del 2019, per un valore che secondo alcuni analisti potrebbe arrivare a toccare i 7,5 miliardi di euro. Nulla è ancora certo, ma di sicuro la macchina organizzativa è partita, e se tutto andrà liscio potrà portare alla quotazione della società specializzata nei pagamenti e attiva nel fintech per il mese di aprile.

Nexi, posseduta da un consorzio di private equity di cui fanno parte Bain Capital, Advent e Clessidra, avrebbe già scelto gli advisor, che sarebbero, secondo le indiscrezioni circolate negli ultimi giorni, Banca Imi, Bofa Merrill Lynch, Credit Suisse, Mediobanca e Goldman Sachs.

WHITEPAPER
Come è cambiato in Italia il quadro normativo dei pagamenti digitali verso la PA?

L’operazione, secondo gli addetti ai lavori, potrebbe essere particolarmente interessante per il mercato sia perché a quotarsi sarebbe una società attiva in una campo che sta vivendo una fase di crescita sostenuta, quello del fintech, sia perché le sue dimissioni potrebbero suscitare l’interesse di investitori internazionali. A dimostrarlo c’è anche il fatto che a studiare l’operazione nelle vesti di advisor finanziario dci sarebbe anche Evercore, banca statunitense specializzata del settore, che conta nel proprio team su esperti del calibro di Waleed El-Amir e Jim Birle. 

A guidare la società è oggi Paolo Bertoluzzo, manager con un passato importante in Vodafone, mentre i conti 2017 hanno evidenziato ricavi per 855,9 milioni e un’Ebitda a 303,9 milioni.

FacebookTwitterLinkedIn