Cessione del credito o anticipo fatture: cosa conviene alle Pmi

Grazie al contributo del Fintech, le aziende oggi possono contare su strumenti innovativi per ottenere liquidità in tempi brevi. Le piattaforme di Invoice Trading e invoice financing sono quelle che vanno per la maggiore: ecco le caratteristiche che le contraddistinguono [...]
  1. Home
  2. Fintech
  3. Cessione del credito o anticipo fatture: cosa conviene alle Pmi

Cosa conviene fare alle Pmi che hanno bisogno di ottenere liquidità in tempi rapidi? È meglio ricorrere all’anticipo fatture oppure puntare sulla cessione del credito? Grazie all’apporto delle soluzioni Fintech, basate su tecnologie di Intelligenza Artificiale e data analytics, le operazioni di compravendita del credito legato alle fatture emesse diventano sempre più semplici da gestire, più trasparenti e – quel che conta maggiormente per le imprese – più rapide. Inoltre, le aziende possono tenere traccia in tempo reale dell’avanzamento delle istanze attivate, e hanno la facoltà di analizzare le operazioni approvabili per prevedere l’andamento del bilancio e supervisionare in maniera costante e accurata l’equilibrio finanziario dell’organizzazione.

Anche se possono sembrare simili, almeno per quanto riguarda il risultato finale, anticipo fatture e cessione del credito presentano in realtà sostanziali differenze. E, specialmente ora che banche e specialisti del digital finance stanno spingendo sul mercato soluzioni sempre più semplici da usare su questi due fronti, le aziende hanno tutto l’interesse a conoscerne a fondo pro e contro, in modo da decidere consapevolmente se indirizzarsi verso l’uno o verso l’altro.

Cominciamo col definire i due meccanismi: in questo modo risulterà più semplice valutarne le caratteristiche in funzione delle esigenze dell’organizzazione e degli obiettivi del business.

Anticipo fatture o invoice financing: un finanziamento a tutti gli effetti, ma flessibile

L’anticipo fatture, conosciuto anche come invoice financing, è uno strumento che consente un approccio mediamente flessibile al tradizionale tema del finanziamento. Come suggerisce il nome, si tratta di un’operazione a breve termine attraverso la quale un’impresa riesce a ottenere liquidità da parte di un istituto di credito, una società finanziaria o di gestione del risparmio allegando a garanzia le fatture emesse con scadenza futura.

Attraverso una procedura approvativa volta a verificare – di solito attraverso l’analisi dello storico dei pagamenti e dello stato finanziario delle parti in causa – l’affidabilità dei richiedenti più che dei debitori, le cui fatture sono date in garanzia, la banca eroga una parte del valore delle fatture sotto forma di finanziamento. L’azienda riceve nel giro di qualche giorno la liquidità e si impegna a restituire il prestito, al netto di commissioni e interessi precedentemente concordati, alla banca o al partner finanziario nel momento in cui la fattura è saldata dal cliente.

L’anticipo fatture comporta un vantaggio fondamentale: aiuta le imprese a mantenere il flusso di cassa stabile e costante attraverso operazioni garantite che consentono di disporre di capitale immediatamente investibile. Per quanto innovativo, rimane comunque un finanziamento: l’azienda, quindi, è naturalmente obbligata a rispondere anche nel caso in cui il debitore non paghi le fatture, e alla scadenza stabilita (che normalmente coincide con quella della fattura) dovrà restituire all’istituto la somma finanziata più gli eventuali interessi. Inoltre, l’azienda che ricorre all’anticipo fatture viene segnalata alla centrale rischi del circuito bancario, con possibili inibizioni per altri tipi di finanziamento.

Cessione del credito o Invoice Trading: incassare subito le fatture

Con la cessione del credito, detto anche Invoice Trading, le aziende invece inseriscono le proprie fatture emesse su piattaforme digitali che consentono a investitori esterni, detti cessionari del credito, di assumersi l’onere dell’incasso. In questo modo le imprese ricevono nel giro di poche ore una parte dell’importo delle fatture cedute. Il restante, al netto delle commissioni stabilite dalla piattaforma, sarà trasferito nel momento in cui le fatture verranno saldate.

La procedura per attivare un servizio di cessione del credito consta in genere di tre fasi. La prima è quella della sottoscrizione a una piattaforma Fintech. La seconda è quella della valutazione della situazione finanziaria del richiedente, durante la quale si soppesano i rischi e le opportunità della transazione, con due precisi obiettivi: effettuare tutti gli accertamenti del caso e formulare previsioni sull’effettiva recuperabilità di singole posizioni o di interi portafogli. La terza fase è quella di elaborazione del finanziamento erogabile: dopo aver analizzato i crediti, il partner finanziario comunica l’importo erogabile al cedente, specificando le condizioni e gli eventuali vincoli con cui viene fornito il servizio.

Rispetto all’anticipo fatture, a fronte di un risultato simile, l’Invoice Trading offre quindi almeno tre vantaggi. Non presuppone garanzie da parte del richiedente, comporta solamente costi certi e predefiniti e, non ultimo, lascia inalterata la posizione debitoria dell’impresa in centrale rischi. Si tratta di prerogative che rendono la cessione del credito uno strumento a misura di Pmi.

La proposta di TeamSystem per la cessione del credito: Incassa Subito

Cavalcando l’onda innovatrice del Fintech, TeamSystem – da sempre al fianco di aziende, artigiani, microimprese e professionisti con un’offerta di software gestionali e servizi per lo sviluppo del business – ha deciso di agevolare l’avvicinamento dei propri clienti agli strumenti di cessione del credito dando vita a Incassa Subito, una piattaforma di Invoice Trading integrata con gli ERP del gruppo.

Con Incassa Subito si può cedere il proprio credito in pochi semplici passaggi, online e direttamente dal PC aziendale, e incassare in anticipo fino al 90% dell’importo fatturato nel giro di 48 ore. Facendo leva sull’immediatezza delle tecnologie digitali, TeamSystem mette a disposizione delle imprese uno strumento semplice, sicuro e trasparente. Trattandosi di un sistema di Invoice Trading, non esiste alcun vincolo rispetto al credito cedibile: non sono richieste garanzie e l’esposizione dell’azienda verso il sistema bancario non subisce alcun impatto. E c’è un ulteriore vantaggio per le Pmi: non solo i clienti (aziende con ricavi almeno pari a 250 mila euro, che cedono fatture di importo almeno pari a 1.000 euro emesse verso debitori con fatturato almeno pari a 1 milione di euro) hanno accesso alla piattaforma senza alcun costo fisso, quota di ingresso o di abbonamento, ma sono liberi di utilizzarla con la frequenza che preferiscono, in base alle effettive esigenze di liquidità dell’organizzazione.

FacebookTwitterLinkedIn