Il caso: “Così il fintech aiuta a gestire meglio le spese in azienda” - Pagamenti Digitali
FacebookTwitterLinkedIn

Il caso: “Così il fintech aiuta a gestire meglio le spese in azienda”

In Italia, secondo il World Payments Reports 2017, sono in aumento le transazioni senza contante tra le aziende di piccole e medie dimensioni. In questo settore i pagamenti “no cash” crescono anno su anno con un tasso medio del 6,5% da qui fino al 2020. Come si spiega questo trend? La risposta potrebbe arrivare da una recente ricerca realizzata da You Gov, secondo cui, le maggior parte delle aziende (su un campione di 120 analizzate nella ricerca) impiega in media quattro ore settimanali nella gestione della contabilità. Un’attività che ricade in maniera significativa sui bilanci societari.

Ecco perché sempre più aziende sono alla ricerca di soluzioni in grado di abbattere i costi di gestione della contabilità e proporre servizi adatti alle diverse esigenze di business.

Lungo questa direzione si sta muovendo Tecnovision srl, società milanese attiva nella progettazione elettronica, strutturale e software di ledwall e maxischermi. In risposta alle difficoltà di gestione della contabilità, l’azienda lombarda ha deciso di adottare i servizi di Soldo, un sistema di carte prepagate ricaricabili e controllabili online in tempo reale.

«Al momento abbiamo attivato una carta aziendale collegata al nostro account Amazon – spiega Francesca Barra responsabile amministrativa di Tecnovision, dedicata alla gestione del pannello di controllo di Soldo – che utilizziamo principalmente per gli acquisti online. Oltre a una decina di carte associate ad altri dipendenti».

«I nostri dipendenti – racconta ancora Francesca Barra – utilizzano le carte di Soldo nei modi più disparati. Per esempio per prelevare contante qualora ce ne sia la necessità, oppure pagare il carburante per gli spostamenti in auto, o ancora pagare una stanza d’albergo durante una trasferta di lavoro di uno o più giorni».

Tuttavia il vantaggio più significativo sembra essere legato al controllo in tempo reale di ogni tipologia di spesa: «Tempo fa in azienda – continua Barra – la prassi era quella di utilizzare bancomat aziendali. In questo modo però era impossibile avere il saldo delle conto aggiornato in tempo reale. Oltre al pericolo di andare in rosso. Con Soldo invece ogni spesa è tracciata, e il saldo delle singole carte è aggiornato 24 ore su 24, sette giorni su sette. Inoltre, in qualità di amministratrice del programma, ricevo una notifica ogni volta che viene effettuato un pagamento».

E anche per quanto riguarda la sicurezza, infine, il binomio Tecnovision Soldo sembra aver funzionato: «Di recente, durante degli acquisti online – conlcude Barra – ci sono state clonate due carte Soldo. Il titolare della prima se n’èaccorto subito grazie alle notifiche della piattaforma, bloccando la carta all’istante. Nell’altro caso invece è stata l’assicurazione a rimborsarci la cifra sottratta. Ecco perché, da quel giorno, sulle carte poco utilizzate lascio un plafond che non supera mai i 10 euro».

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi