E-payment e innovazione, nasce la partnership Apsp-AssoFintech

L’associazione prestatori servizi di pagamento e quella dei portali fintech e Insurtech uniscono le forze per promuovere seminari, progettare iniziative editoriali, collaborare con le autorità e organizzare progetti congiunti per stimolare la crescita dell’economia digitale [...]
  1. Home
  2. Fintech
  3. E-payment e innovazione, nasce la partnership Apsp-AssoFintech

Promuovere la diffusione della cultura dell’innovazione e stimolare la crescita dell’economia digitale: nasce mirando a questo obiettivo il progetto di collaborazione appena siglato dall’Apsp, Associazione prestatori servizi di pagamento, e AssoFintech, l’associazione italiana dei portali fintech e insurtech. A firmare il progetto di collaborazione triennale i presidenti delle due associazioni, Maurizio Pimpinella e Fabio Brambilla.

Nello specifico, il piano di collaborazione prevede che le due associazioni possano promuovere e stimolare seminari, dibattiti, incontri e ogni altra iniziativa su tutte le materie che possono formare oggetto di sviluppo della cultura del digitale come fattore di crescita economica, e progettino e realizzino iniziative editoriali utili a diffondere le comuni attività svolte nei campi di interesse.

WHITEPAPER
Come cambia il Retail tra ecommerce, piccoli rivenditori e la spinta al cashless
Acquisti/Procurement
Fashion

Tra gli obiettivi c’è inoltre quello di stabilire rapporti con le Autorità competenti “per lo sviluppo di un ecosistema favorevole all’adozione di nuove tecnologie e nuovi modelli nei settori finanziario e assicurativo”, e di organizzare corsi di formazione specializzata “in relazione alla politica, all’economica, alle tecnologie e a tutte le discipline che possono contribuire al miglioramento delle conoscenze in materia fintech e insurtech”.

C’è spazio infine anche per la realizzazione e lo sviluppo di “progetti congiunti – si legge nella nota che annuncia l’accordo – di carattere sociale, economico, scientifico e tecnologico anche commissionati da terzi”.

FacebookTwitterLinkedIn