Fintech e Insurtech sempre più diffusi: 11 milioni gli utenti in Italia

Secondo L'Osservatorio del Politecnico di Milano circa il 25% degli utenti ha provato almeno un servizio di questo tipo, ovvero una percentuale in decisa crescita rispetto al 2017 [...]
  1. Home
  2. Fintech
  3. Fintech e Insurtech sempre più diffusi: 11 milioni gli utenti in Italia

L’utilizzo di servizi Fintech & Insurtech è ormai una prassi consolidata per una cospicua fetta degli italiani, con profonde ripercussioni per il sistema finanziario e assicurativo nazionale. È questa la principale conclusione dell’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico di Milano, realizzato in collaborazione con Nielsen Italia. Secondo i risultati dell’indagine, infatti, sono ormai 11 milioni gli utenti che hanno provato almeno un servizio di questo tipo, pari al 25% della popolazione italiana fra i 18 e i 74 anni, una percentuale in forte crescita rispetto a quanto registrato un anno (16%). In particolare, la ricerca fa notare come tutti i servizi Fintech & Insurtech siano molto apprezzati, tra cui la possibilità di gestire i sinistri da smartphone (voto medio 9,6 su 10), l’attivazione di assicurazione istantanee (8,9) e l’accesso a un finanziamento da smartphone o Pc (8,9); più “Nonostante chi ha utilizzato i servizi Fintech e Insurtech li promuova a pieni voti, dagli utenti arrivano anche chiare richieste di miglioramento dell’offerta di servizi finanziari – rileva Marco Giorgino -: per il 67% sono fondamentali servizi di base gratuiti, circa metà chiedono trasparenza negli investimenti, velocità nelle operazioni o la possibilità di incontri di persona nei casi più complessi”.

 

Oltre alle relazioni con utenti consumer, la digitalizzazione sta cambiando anche il rapporto tra Finance e imprese: oltre metà delle PMI italiane (il 55%) interagisce già con gli istituti finanziari tramite un’APP per smartphone, il 92% lo fa tramite PC. Le Pmi acquistano però coperture assicurative ancora prevalentemente con modalità tradizionali: solo il 15% ha comprato una copertura online in totale autonomia, ma l’80% potrebbe già gestire tutti i servizi assicurativi di base con sistemi digitali. Resta comunque ancora molta strada da percorrere: in media solo il 5% delle piccole e medie imprese ha già utilizzato metodi di finanziamento alternativi come Minibond, P2P lending, Crowdfunding, soluzioni di Supply Chain Finance.

WEBINAR, 28 APRILE
eCommerce come costruire una user experience multicanale ed efficace
Pagamenti Digitali
Retail

 

Ovviamente la digitalizzazione, oltre a interessare gli attori tradizionali, sta favorendo la nascita di nuove realtà: nel 2018 si contano 1.210 startup Fintech & Insurtech a livello globale con almeno 1 milione di dollari di finanziamento, in forte aumento (+66%) rispetto a due anni fa, capaci di raccogliere 43,7 miliardi di dollari, contro i 25,7 del 2017 (+70%), e con le startup cinesi, indiane e australiane che crescono rispettivamente del 233%, del 184% e del 227% nella raccolta di investimenti (contro un -11% delle statunitensi). L’Italia è lontana da queste realtà, ma in crescita: 8 startup hanno superato la soglia del milione di dollari di finanziamenti ricevuti, per 44 milioni di dollari complessivi (contro i 20 del censimento precedente).

Nel settore Finance si sta insomma ampliando la competizione tra istituti finanziari, bancari e assicurativi con startup, attori corporate, digital, tecnologici e di telecomunicazioni, autorità di regolamentazione e più in generale nuovi potenziali entranti: nel 2018 sono nate nuove collaborazioni mentre gli attori “non tradizionali” stanno iniziando a riscuotere consenso tra gli italiani. Per questo l’Osservatorio Fintech & Insurtech ha proposto e avviato l’Open Finance Journey: un percorso per stimolare, incoraggiare e supportare le pratiche con cui le aziende del mondo finanziario, bancario e assicurativo possono abbracciare l’innovazione digitale.

FacebookTwitterLinkedIn