Al via un master per i professionisti del Fintech

Il master, organizzato dal MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business e in partenza a settembre, sarà presentato il prossimo 14 marzo a Milano [...]
  1. Home
  2. Fintech
  3. Al via un master per i professionisti del Fintech

Le innovazioni tecnologiche del mondo Finanziario, conosciute sotto il nome di Fintech, stanno rivoluzionando un settore che sino a non molto fa era piuttosto restio al cambiamento. L’irruzione delle startup Fintech ha già rivoluzionato tutti gli ambiti del mondo banking, dalla relazione con i clienti consumer sino alle modalità di prestito e investimenti degli investitori. Trattandosi però di un ambito piuttosto nuovo è però indubbio che esista un notevole bisogno di formazione sul Fintech e sulle sue opportunità: ecco perchè il prossimo giovedì 14 marzo a Milano (via Lambruschini 4C) , a partire dalle 18, sarà presentato il primo Master internazionale in Fintech – finance and digital innovation.

Il corso, in partenza a settembre e organizzato dal MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business, sarà un master full time della durata di 12 mesi dedicato ai futuri professionisti in ambito fintech, a cui si vogliono trasferire competenze sia nel mondo finanziario che in quello IT grazie alla collaborazione con diversi dipartimenti del Politecnico. Il master osi caratterizzerà per un’analisi delle nuove tecnologie digitali e loro applicazioni nel mondo finanziario quali banche, compagnie assicurative e asset management. Il programma inoltre offre ai suoi partecipanti le conoscenze del mondo finanziario e le competenze IT (come ad esempio gestione di big data, cybersecurity, tecnologia blockchain, smart contracts, natural language processing (NLP), data visualization) necessarie per costruire modelli di business alternativi. La presentazione del master sarà preceduta da una tavola rotonda a cui parteciperanno le aziende sponsor del master, tra cui IBM, Deloitte e Intesa San Paolo.

WHITEPAPER
Come cambia il Retail tra ecommerce, piccoli rivenditori e la spinta al cashless
Acquisti/Procurement
Fashion

 

FacebookTwitterLinkedIn