Auriga e l'innovazione tra filiali e startup - Pagamenti Digitali
FacebookTwitterLinkedIn

Auriga e l’innovazione tra filiali e startup

Anche in un momento di profonda trasformazione, come quello che sta vivendo oggi il mondo bancario, le filiali rappresentano ancora il vero punto d’incontro tra la banca e il cliente. Per questo è anche e soprattutto sulle filiali che oggi si richiede un processo di revisione.
Ne è convinto Vincenzo Fiore, CEO di Auriga, tra i principali fornitori italiani di software e soluzioni applicative per il mondo delle banche, che parla di una trasformazione “phigital”, nella quale si compie il connubio tra digitale e fisico.

Una innovazione che Auriga ha portato anche nella propria offerta, sviluppando tra l’altro una soluzione omnichannel, in grado di gestire la comunicazione tra banca e clienti attraverso canali differenti e dando vita a un piano di sviluppo, “Auriga 2020”, con uno stanziamento di 16 milioni di euro da per migliorare la tecnologia e sviluppare nuovi servizi.
Non solo.
Nel corso di quest’anno, la società intende dar vita a un incubatore per startup, cui sta lavorando in collaborazione con università e banche.
La versione integrale dell’intervista esclusiva a Vincenzo Fiore è pubblicata a questo indirizzo.

Giornalista, da trent’anni segue le tematiche dell’innovazione tecnologica applicata ai modelli e ai processi di business.Negli ultimi anni si è avvicinata al mondo dell’Internet of Things e delle sue declinazioni in un mondo sempre più coniugato in logica smart: smart manufacturing, smart city, smart home, smart health.

FacebookTwitterLinkedIn
FacebookTwitterLinkedIn

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi