22 banche, tra cui Intesa e Unicredit, testano la Blockchain di SWIFT - Pagamenti Digitali

22 banche, tra cui Intesa e Unicredit, testano la Blockchain di SWIFT

Sono 22 le banche che hanno scelto di aderire alla seconda fase di test delle tecnologie blockchain nell’ambito dell’iniziativa Gpi (Global Payment Innovation)  di SWIFT.

E’ stato lo stesso consorzio SWIFT a comunicarlo, spiegando anche le finalità di questa sperimentazione: verificare se e in quale misura la tecnologia distributed ledger (DLT) possa essere uno strumento per effettuare in tempo reale le attività di riconciliazione dei conti nei pagamenti transfrontalieri e per migliorare il monitoraggio e la gestione dei conti nostri internazionali.

Tra i 22 Istituti di credito aderenti, due sono italiani, Intesa Sanpaolo e Unicredit, mentre tra i nomi troviamo realtà europee, come Deutsche Bank, Société Générale o RaboBank, statunitensi, come JPMorgan Chase Bank, cinesi, come China Minsheng Banking, giapponesi, come Sumitomo Mitsui Banking.

Come funziona la blockchain di SWIFT

Ciascuna di queste realtà lavorerà in modo indipendente rispetto alle altre e il risultato dei loro test fungerà da convalida della tecnologia sia in termini di performance, sia in termini di scalabilità.
Perché il testing sia efficace, è necessario che i tesorieri delle banche adattino i propri sistemi di tracciabilità e di position keeping: questo dovrebbe consentire di superare alcuni dei limiti attuali, che impediscono alle banche di monitorare la posizione dei loro conti in tempo reale, non potendo contare sulla disponibilità di reportistica infragiornaliera.

La fase di test è stata avviata a gennaio di quest’anno e si basa su una serie di regole che dovrebbero stabilire uno standard per la liquidità infragiornaliera. Pe rla sua definizione, SWIFT utilizza la tecnologia open-source Hyperledger, Fabric v1.0 unita ad alcuni dei suoi asset strategici, con l’obiettivo di garantire la massima privacy su tutte le informazioni relative ai conti nostro/vostro, visibili solo al titolare del conto e alla sua banca corrispondente.

Le 22 banche, invece, utilizzeranno una blockchain privata all’interno di un closed user group nel quale gli utenti hanno specifici profili e controlli stringenti sui dati, con una stretta disciplina sui privilegi e sull’accesso ai dati.

I risultati della fase di test verranno pubblicati nel mese di settembre.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi