I Wallet digitali degli operatori mobili italiani

Mobile Payment - Il punto

Tim, Vodafone e PosteMobile offrono ai clienti servizi di pagamento NFC da smartphone. Ecco in sintesi, le proposte disponibili sul mercato

Alessandro Longo

Tim, Vodafone e PosteMobile continuano ad ampliare le partnership con banche e - più di recente - altri soggetti, mentre 3 Italia e Wind scaldano i motori per un lancio che è previsto, con tutta probabilità, per fine anno.

È questo il quadro dei servizi digital wallet italiani, a quanto risulta da una ricognizione fatta dal nostro sito con gli operatori telefonici.

Le App, collegate alle sim Nfc, tendono a diventare quindi un hub con vari servizi di pagamento, acquisto e carte fedeltà.

 

 

Tim Wallet

L’App di Tim funziona con la carta prepagata lanciata a fine 2014 da questo stesso operatore (Visa e realizzata con Intesa San Paolo) e, da tempo, con altre carte Intesa San Paolo.

Più di recente supporta le Mastercard o la prepagata Innovo di Bnl; Mediolanum Freedom Easy Card, la Mediolanum Card e la Carta Enjoy di Ubi BancaPermette inoltre di acquistare i biglietti di trasporti di alcune città attraverso sms ticketing (con credito telefonico o addebito in bolletta). Include anche i coupon di Tim powered by Qui! Group, per una gamma di prodotti e servizi.

 

 

Vodafone Wallet

Vodafone Wallet funziona già da tempo con la prepagata di questo operatore, SmartPass Nfc, e da dicembre anche con carte Mediolanum.

Consente di acquistare con il credito telefonico i biglietti per i mezzi pubblici di oltre 15 città italiane, ma anche di caricare le carte fedeltà di varie catene di negozi, supermercati, stazioni di servizio e trasporti (tra cui Alitalia e Trenitalia). L’utente mostra il cellulare all’addetto, con la relativa carta fedeltà (dotata anche di codice a barre digitale, leggibile con il normale lettore).

 

PosteMobile

Posta ha lanciato il proprio servizio, a tutti gli effetti, a fine ottobre e nelle settimane successive l’ha potenziato con accordi. Permette di associare l’App alle carte BancoPosta e alla prepagata virtuale ePostepay; più di recente anche la tessera Atm di Milano e Gtt di Torino e carte fedeltà.

Articoli Correlati

Analisi

Pagamenti NFC, quale sarà il modello vincente?

La tecnologia contactless, grazie ad un’infrastruttura di accettazione in continua espansione, rimane la favorita nel guidare la diffusione dei...

INTERVISTA

Pagamenti da Mobile, l'Italia che innova

Se è vero che si fa ancora tanto uso del cash, sul Mobile e sulle prepagate il nostro Paese può giocare un ruolo importante in Europa. Lo spiega...

Videoreportage - prepaid summit europe 2014

Carte prepagate e wallet: le mosse di Poste Italiane, Telecom Italia e Vodafone

Il mercato dei pagamenti vive oggi un momento di grande vivacità con il debutto competitivo, ma a volte anche collaborativo, di soggetti alternativi...

Mobile ticketing

Expo 2015: in metrò senza biglietto?

Avviato dall'azienda dei trasporti pubblici ATM di Milano un servizio con PosteMobile che permette di dematerializzare il biglietto per viaggiare sui...