Apple Pay sta per arrivare in Italia: si aprono nuove sfide per i pagamenti mobile

Mobile Wallet

Il commento di Valeria Portale dell'Osservatorio Mobile Payment del Politecnico di Milano sul wallet Apple. Gli scenari e i possibili sviluppi legati all'imminente l'apertura anche nel nostro Paese del servizio di pagamento della Casa della Mela

A due anni e mezzo dal debutto negli Stati Uniti, Apple Pay sta per arrivare in Italia.
La conferma arriva indirettamente dalla stessa Apple che ha modificato la pagina italiana di presentazione e descrizione del servizio per i pagamenti digitali  aggiungendo la dicitura “in arrivo”, che dunque lascia supporre un prossimo lancio del suo sistema di pagamento mobile anche nel nostro Paese.

Il sistema funzionerà “agganciato” alle carte emesse dal circuito Visa o Mastercard oppure emesse da Boon, Carrefour Banca e Unicredit, anche se non si può escludere che una volta lanciato il servizio non possa aggiungere altri Istituti di Credito.

Una volta che il servizio sarà effettivamente lanciato, gli utenti dovranno semplicemente aggiungere i dati delle loro carte ai wallet di iPhone ed Apple Watch per abilitare le transazioni sui terminali che supportano i pagamenti contactless all’interno di negozi fisici.

La prospettiva dei Mobile Wallet secondo l'Osservatorio Mobile Payment & Commerce

In attesa di scoprire quando Apple Pay sarà effettivamente disponibile, Valeria Portale, Direttore Osservatorio Mobile Payment & Commerce sottolinea come nel momento in cui Apple aprirà il servizio in Italia, sarà logico attendersi l’arrivo degli altri player finora assenti, da Samsung Pay ad Android Pay.
“Il settore vede operare attori diversi – spiega Portale – dai produttori di telefoni ai fornitori di sistemi operativi fino agli operatori telefonici, tutti coesi nell’adozione della tecnologia NFC”.
A questo fronte, si contrappone il mondo bancario, che non vuole perdere il presidio sui propri clienti.
Secondo Portale non si tratta di decretare oggi uno o più vincitori e uno o più soccombenti. Con molta probabilità ci saranno nuove risposte in ambito mobile wallet, nasceranno collaborazioni, così come prenderanno vita anche progetti autonomi.
Ma non ci sarà spazio per tutti e la concorrenza è agguerrita: parliamo di attività dove i margini unitari sono estremamente ridotti e dove la scala è di conseguenza un differenziale competitivo importante”.

 

Articoli Correlati

Digital wallet

C'è l'italiana Sparkling18 tra i "magnifici 7" di Mastercard nel mondo

La Fintech dedicata ai New Digital Payment nata da un’idea di Imanuel Baharier e Giuseppe Virgone è nel gruppo dei sette migliori Gold Digital...

Privacy

Le misure sulla sicurezza nei servizi di pagamenti definite da EBA RTS alla luce del regolamento europeo GDPR in materia di protezione dati personali

Una lettura delle RTS alla luce delle prescrizioni in materia di trattamento dati personali di cui al nuovo regolamento privacy europeo 2016/679,...

Poltrone

Nuovo incarico per Cavazzana in Ingenico: sarà responsabile per le banche in EMEA

Il Presidente e Amministratore Delegato della consociata italiana da oggi è anche SVP EMEA, Banks & Acquirers Business Unit

Il roadshow

Al via il tour di AIIP nelle città italiane. Obiettivo: informare i cittadini sui benefici del cashless

E' partita a Roma l'iniziativa “Pagamenti digitali: un mondo di vantaggi. Tanti buoni motivi per pagare senza contanti”, che coinvolgerà anche...